English Español

Dorgali, un mondo da scoprire con gli occhi, con la pelle... e soprattutto con il cuore.

Un luogo magico e incontaminato, dove natura, storia e tradizione creano un insieme unico nel suo genere.

Dorgali con i suoi 225 Kmq è uno dei comuni più estesi della Sardegna e decisamente uno dei più apprezzati vista la varietà del suo paesaggio.

Cartina Dorgali e Zona

Il Mare e le Spiagge

Il mare è decisamente una delle attrattive più amate dai visitatori.
Cala Gonone è la perla marina di Dorgali, una frazione divenuta da tempo destinazione obbligata per i turisti in Sardegna.
Il suo Porto Turistico e le spiagge di Palmasera, Sos Dorroles, Spiaggia Centrale e S'Abba Meica, rendono questa meta molto popolata nel periodo estivo, anche grazie alla facilità con cui si possono raggiungere servizi e arenili.
Da menzionare le bellissime cale sabbiose di Cartoe e Osala

Cala Gonone Palmasera Sos Dorroles Dorgali

 

Proseguendo verso sud, passando per la strada costiera, basterà fare 3 km per raggiungere l'intima caletta di ciottoli bianchi di Ziu Martine e, dopo ancora 500 metri, ecco Cala Fuili, ultima spiaggia raggiungibile in auto e prima meraviglia di questo tratto di mare.

E' a questo punto che si aprono le porte della Sardegna più autentica!

Proseguendo il nostro viaggio verso sud nel Golfo di Orosei, dopo le celebri Grotte del Bue Marino (che menzioneremo nel prossimo paragrafo), incontreremo una miriade di piccole calette, ma soprattutto quelle che sono recensite come le baie più affascinanti del mediterraneo:

Cala Mariolu


Cala Luna, Cala Sisine, Cala Mariolu e Cala Goloritzè. Raggiungibili con le apposite imbarcazioni-navetta che partono anch'esse dal porticciolo o con dei trekking adatti però a camminatori abbastanza esperti.
L'acqua trasparente dai colori azzurro-turchese, la sabbia bianchissima e la natura incontaminata che le circonda rendono queste meravigli fra le mete più fotografate e amate dai visitatori.

Cala Luna Cala Sisine Cala Goloritze

 

Le mete naturalistiche e le grotte

Quando si arriva a Dorgali, non si può che essere catturati dalle mille sfaccettature che la natura assume in questo posto fantastico.
Boschi, monti, grotte, fiumi, rocce e panorami mozzafiato fanno di questo posto un paradiso per gli amanti della natura.

Sono tantissime le mete da visitare in questo territorio, talvolta semplici da raggiungere, altre un po' più impegnative e raggiungibili solo con dei trekking di qualche ora o in traghetto. La parte montuosa cela dei tesori di inestimabile valore naturalistico e storico.

Foto gorroppu dal basso, e altre due non ancora postate


Merita una particolare attenzione la gola di "Su Gorroppu" che con le sue pareti alte fino a 400 metri, è considerata uno dei canyon piu alti ed estesi d'Europa.
"La Gola di Gorropu è raggiungibile anche partendo da Dorgali: si attraversa (anche in auto) la vallata di Oddoene fino araggiungere il ponte di S'abba Arva, da qui si prosegue a piedi per circa due ore costeggiando per un tratto il Rio Flumineddu e il versante Sud Est del Monte Oddeu".[fonte: Wikipedia]
La particolarità del luogo e le alte pareti che delimitano la gola, hanno dato vita a strane leggende: si dice che, dal punto più stretto ed oscuro della gola, dove le pareti si ergono verticali superando i
450 metri, sia possibile vedere le stelle in pieno giorno. Un'altra dice che, nelle scoscese pareti, sboccino di notte, i magici fiori della "felce maschio". Solo ai più coraggiosi è dato coglierli, calandosi dal Supramonte di Orgosolo.

Non distante da Su Gorroppu si trova il misterioso Villaggio Nuragico di Tiscali che, costruito all'interno di una maestosa grotta stimola la fantasia dei visitatori che cercano emozioni.

Una menzione meritano anche i suggestivi "Cuiles", antichi ovili in pietra e ginepro che negli ultimi anni stanno tornando all'antico splendore grazie al lavoro di gruppi di volontari amanti di questa terra. Fra questi: il cuile di Monte Ruju, Toddeito e Sa Tintura.

A nord di Dorgali è possibile ammirare la bellissima Piskina de Ortaddara, una vasca d'acqua naturale sormontata da una parete rocciosa dalle venature ammalianti che, riflesse sull'acqua, rendono questo posto quasi magico.
E' proprio da questo bellissimo insieme di acqua e roccia che abbiamo voluto trarre forme ed energia per far nascere il simbolo del nostro bed and breakfast.

foto Piskina

Le grotte del Bue Marino, Ispinigoli e la Grotta del Fico. Il turismo speleologico è ormai di casa nel territorio di Dorgali, e le sue grotte più famose contano oramai tantissimi visitatori.

Grotte Bue Marino Dorgali

Le Grotte del Bue Marino si raggiungono in battello dal porto di Cala Gonone e dopo un breve tragitto si può iniziare questa esperienza davvero indimenticabile. Si accede direttamente dal mare, ed attraverso un comodo percorso si possono ammirare tutti i gioielli di queste grotte, dai grafitti del neolitico ai fossili, dalle conformazioni carsiche ad un lago salato sotterraneo tra i più ampi del mondo.
Percorrendo la ss125 in direzione Orosei si trovano invece le Grotte di Ispinigoli: un complesso carsico molto conosciuto daglia amatori più esperti che culmina con un elementoda record: un'impressionante colonna alta addirittura 38 metri.

A breve... Le mete Storiche e Archeologiche

Foto

 

Descrizione mete naturalistiche descrizione mete naturalistiche descrizione mete naturalistiche

B&B Luce Viola
Via E. Fermi, 5 - Dorgali - Nuoro - Sardegna
Tel. 345-7383727 o 0784-95058 email: info.luceviola@gmail.com sito web: www.lucevioladorgali.com